20 Ottobre, 2019

Tag: pugilato

Dal nostro archivio

Archeologia montaliana

Marco Sonzogni, “Il guindolo del Tempo”. "Considerati i continui depistaggi che Montale faceva subire agli amici e, soprattutto, alle donne “della sua vita”, festeggiamo un disvelamento che piacerà a chi porta con sé da sempre l’intero gomitolo montaliano (il “Romanzo” di cui spesso si è parlato), ma altresì si assisterà alla caduta, per alcuni, di qualche leggenda. L’opera spesso è molto più grande, ampia e profonda del suo autore."

Il sogno dei due draghi

Jean-Marie Gustave Le Clézio, Bitna sotto il cielo di Seul, La Nave di Teseo. Recensione di Raffaele Guida. Attraverso il romanzo Le Clézio ci mostra la Corea del Sud delle automobili Kia, degli istituti di lingua francese, delle chiese cattoliche, delle Coca-Cola, dei siti internet JobKorea, delle radio che trasmettono i brani di Dalida, dei locali notturni e dei complessi rock. Alcuni dei personaggi hanno soprannomi inglesi, parlano di Schubert, parlano francese, alcuni quartieri hanno nomi ispanici.

Il nostro sguardo, nei secoli

Mark Cousins, Storia dello sguardo. "Storia dello sguardo affronta ogni tipo di cosa e fenomeno, giunge alla realtà virtuale e aumentata, al fenomeno di skype e ai milioni di occhi artificiali che sorvegliano. Chi possiede sguardo è guardato, e Cousins si chiede a quale tipo di punti deboli occorre andare incontro, o scontrarsi."

L’inevitabilità del sentire

Remo Pagnanelli, Quasi un consuntivo (1975-1987). "Remo Pagnanelli attraversa ancora la poesia italiana, a trent’anni dalla morte per suicidio. E lo farà a lungo, perché i suoi versi quasi sempre testamentari ci parlano del disamore, dei rimorsi, della frattura continua tra vita e risorsa poetica. La prima tenuta stretta, fino a che si è potuto, nelle sue allegorie, la seconda cercata e ritrovata negli schemi leopardiani, e nella critica energica (talvolta rabbiosa) di Fortini."

Fantasia al potere

Claude Debussy, Monsieur Croche. Tutti gli scritti . "Questa raccolta di tutti gli articoli di Debussy, oltre che un omaggio per il centenario della scomparsa del musicista francese, si rivela un compendio dettagliato e illuminante grazie al contributo di Enzo Restagno e al lavoro di traduzione da parte di Anna Battaglia".