21 Settembre, 2019

Raffaele Guida

5 ARTICOLI 0 Commenti

Dal nostro archivio

Giochi di specchi

Jonathan Carroll, Il paese delle pazze risate, La Corte Editore. Ristampa del primo romanza di Jonathan Carroll, uno dei maestri del fantastico contemporaneo. La storia di Thomas e Saxony accompagna il lettore per mano verso un prograssivo ampliarsi dell'immaginario.

Quel certo non so che

Ivano Porpora, l'Argentino. "Ivano Porpora ha scritto una cristo di storia! Un romanzo che sa di terra bruciata e sudore, di adolescenza e di quel momento della vita in cui si comprende quanto siano preziosi i ricordi".

Amore impossibile e rassicurante

Gilberto Severini, Dilettanti. "Scrittore amato dagli scrittori, da un pubblico di lettori che non si accontenta, è l’esempio di un autore che non ha mai cercato la ribalta né di gratificare il lettore con facili ammiccamenti. Gilberto Severini non scrive per il successo, forse per questo ha coltivato un talento difficilmente eguagliabile e scritto pagine memorabili di letteratura italiana."

La rabbia altra faccia dell’amore

Barbara Garlaschelli, Il cielo non è per tutti. "Barbara Garlaschelli, Il cielo non è per tutti. "L’autrice affronta temi importanti: l’adolescenza, l’amore, la depressione, la sessualità e moltissimi altri attraverso i tanti personaggi con le loro personalità ricche di sfumature in cui possiamo specchiarci, nei loro pregi così come nelle loro debolezze".

Intrighi a corte

Christelle Dabos, Gli scomparsi di Chiardiluna. "Avvertenze per il lettore. Il libro in oggetto può mordere le dita, le pagine possono girare troppo velocemente. In un susseguirsi di emozionanti colpi di scena e situazioni tragicomiche la Dabos ha costruito un mondo perfetto, così ricco di elementi e dettagli che queste quasi seicento pagine volano via veloci."