21 Gennaio, 2020

Nazzareno Mataldi

1 ARTICOLI 0 Commenti

Dal nostro archivio

Narrazioni per dis/orientarsi nel mondo

Laura Pugno, In territorio selvaggio. Corpo, romanzo, comunità. Roberto De Robertis "Il romanzo, dunque, sembra dirci la scrittrice, non può ridursi a strumento di stabilizzazione, un mero “conforto”, scrive; esso non può che essere un sentiero disagevole e striato da frontiere, abitate e attraversate da corpi irrequieti."

Lo sconfinamento che regola la Storia: sulla scrittura di Alessandro Leogrande

L'infaticabile impegno di Leogrande irrompeva là, dov'era in agguato la spiegazione facile, fondata sulla cristallizzazione degli stereotipi. La precisione del lessico e l'esattezza della scrittura, la generazione continua di connessioni, talvolta inaudite, gli scavi testardi e uno sguardo di rarissima umanità in tempi come questi – tempi sempre interessanti per lui – permettono alla sua scrittura rigorosa di illuminare il futuro con rapidi bagliori accecanti, proiettando le sue narrazioni nello spaziotempo striato della Globalizzazione, parola chiave nei suoi scritti degli anni Duemila.

Compagno Bergoglio

Papa Francesco, Terra, casa, lavoro. "Non si parla di piani assistenziali occasionali o di carità, ma di una riforma strutturale che dia piena dignità ai lavoratori e alle persone. La disuguaglianza e l’esclusione, l’ingiustizia contro i poveri, la negazione dei diritti sociali, la sicurezza pensionistica e sociale. Non si può accettare l’anestetizzazione dei ceti sociali deboli mediante false promesse o contentini: è il sistema consumistico che va combattuto."

Il mondo nelle carte

Giuseppe Marcenaro, Dissipazioni, Il saggiatore, pp. 576, euro 32,00 stampa Il mondo nelle carte, per Giuseppe Marcenaro, non è per niente dissipato, men che mai...

Terranova sceglie Bufalino

Questa puntata della nostra Rubrica la potremmo chiamare tranquillamente “genealogie siciliane”; abbiamo la messinese Nadia Terranova che rende omaggio al comisano Gesualdo Bufalino. Ma è anche il nostro modo di rendere omaggio alla più letteraria delle isole italiane.

Speciale Stranimondi