21 Settembre, 2019

Luca Sulis

2 ARTICOLI 0 Commenti

Dal nostro archivio

Il senso di Michail per la neve

Michail Bulgakov, Memorie di un giovane medico. "Appena uscito dalla facoltà di medicina con il massimo dei voti, un ventitreenne Michail Bulgakov si ritrova catapultato in un piccolo villaggio sperduto nella neve che ricopre tutto, implacabile. Lì, in mezzo al nulla, dovrà fare i conti con i malati, quelli veri, i poveri del popolo con le loro credenze e diffidenze. "

Quando le botte fan bene

Paolo Zardi, Tutto male finché dura. "Verrebbe voglia in numerosi punti del romanzo di provvedere personalmente alla rimozione dell’apparato riproduttivo del protagonista, tanto è lo squallore del suo pensiero, tanto è subdolo il suo agire. Soltanto l’ironia con cui lo tratteggia Zardi lo esonera dal risultare di un’antipatia senza confini. Eppure è lui il personaggio ideale per rappresentare l’epoca caotica che stiamo attraversando, dove nulla è reale e tutto sembra, se non a portata di mano, almeno a portata di click."

Il difficile recupero del passato

Martin Pollack, Il morto nel bunker. "Non serve qui elencare quanto viene rievocato dall’autore, accanto allo sforzo sentiamo un’etica impareggiabile, una levità che tocca nel profondo. S’intraprenda invece, con questo libro, un salutare viaggio verso le pieghe geografiche (e mentali) delle frontiere italiane di nord-est dove ancora oggi pizzicano la pelle le arie distruttive del Novecento. La copertina mostra, in tagliente contrapposizione, un radioso manifesto turistico del 1934 che invita a visitare l’Austria."

Ultime notizie da Più libri più liberi

Sara Tosetto, che l'editoria la conosce bene, esplora per noi Più Libri Più Liberi, forse non il salone librario più importante del mondo, ma sicuramente quello che ha la sede più famigerata, discussa, criticata, esaltata e discussa, ovvero la Nuvola. Una carrellata di uscite promettenti pubblicate da case editrici emergenti (e qualcuna tutto sommato emersa).

L’aria del Nord

Massimo Ciaravolo (a cura di), Storia delle letterature scandinave. Dalle origini a oggi. "Il volume coordinato da Massimo Ciaravolo, docente di letterature scandinave a Venezia, racchiude nella sua mole di oltre mille pagine fitte un’opera immensa, che difatti ha richiesto diversi anni di gestazione prima di uscire finalmente per la casa editrice Iperborea, il marchio che più di ogni altro ha contribuito a diffondere in Italia la letteratura del Nordeuropa".