Eva contro Eva

Yewande Omotoso, La signora della porta accanto, tr. Natalia Stabilini, 66thand2nd, pp. 249, €16,00 stampa, €7,99 eBook

recensisce VALENTINA MARCOLI

Non potrebbero essere più lontane tra loro le due donne protagoniste del romanzo di Yewande Omotoso, classe 1980, nata nell’isola di Barbados, cresciuta in Nigeria e trasferitasi successivamente in Sudafrica. Dopo essersi aggiudicata il South African Literary Award per la migliore opera d’esordio nel 2011 con Bom Boy, con questo secondo romanzo è entrata nella longlist del Baileys Women’s Prize for Fiction 2017 ed è tra i finalisti dell’International Dublin Literary Award 2018. Insomma la signora ha intenzione di dare del filo da torcere ai colleghi.

Hortensia, donna di colore e “guru del design”, che si è trasferita col marito bianco dall’Inghilterra a Città del Capo, è la prima voce che ascoltiamo aprendo il libro. Il suo matrimonio con Peter è naufragato anni fa, la malattia di lui lo costringe ad una degenza silenziosa nel letto di casa, accudito solo da infermiere sconosciute, e sulle spalle di lei pesa il fallimento di non avergli dato figli.

Marion, donna bianca e architetto di successo, vive al numero 12 di Katterijn Avenue, in compagnia del suo bassotto Alvar e della domestica di colore Agnes. Non ha resistito al fascino dell’italiano Max Agostino che dopo averla sposata e fatta vivere nell’illusione della bella vita, alla sua morte la lascia con quattro figli con cui ormai non parla più, e un sacco di debiti.

Ecco, ora immaginatevi la scena: al numero 10 di Katterijn Avenue abita Hortensia, infinitamente scontrosa, che odia la gente, disprezza i giovani e soprattutto non tollera il razzismo e la saccenza di Marion, con cui ha continui battibecchi. Alla morte del marito Peter viene a scoprire di una relazione adulterina da cui è nata Esme, ormai quarantenne, con cui dovrà far conoscenza per impossessarsi di parte dell’eredità. L’ultima ripicca di un marito arrabbiato. Al contempo durante alcuni lavori di ristrutturazione al numero 10, il primo progetto realizzato interamente da Marion, una gru demolisce accidentalmente parte del numero 12, ferendo anche Hortensia.

Le due vicine nemiche si vedranno costrette ad una convivenza che le ridurrà ad esporre le loro fragilità obbligandole a raccontarsi delle verità scomode. Ma sarà proprio da questa esperienza che le due anziane signore riusciranno a creare una complicità intelligente fino a deporre l’ascia di guerra. Da queste pagine fuoriesce comunque una forza che solo certe donne hanno, un livello di determinazione tale che ha permesso loro di raggiungere obiettivi impensabili per l’epoca. Uno straordinario romanzo causticamente umoristico, schietto, genuino sulle donne, per le donne.

https://www.66thand2nd.com/

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share