Paragrafi d’autore

Scrittori che ripensano ad altri scrittori; scrittori che sono stati appassionati lettori, che hanno incontrato e scelto i propri maestri e decidono qui di richiamare dal passato brani significativi per la loro formazione: parole con cui hanno instaurato un particolare legame.

Paragrafi d'autore: Terranova sceglie Bufalino

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Paris sceglie Proust

Al tempo della sua vita cartacea, PULP Libri ospitava regolarmente la rubrica Il tempo ritrovato, firmata da Renzo Paris; ci sembrava quindi giusto chiedere a lui di proporci i paragrafi d’autore di gennaio, tanto per inaugurare il 2019 in grande stile. Dato il titolo della sua rubrica (che ci manca tanto) e la sua lunga attività di francesista, non sorprende più di tanto che la sua scelta sia ricaduta sull’ultimo volume della monumentale Ricerca del tempo perduto di Marcel Proust: per l’appunto, Il tempo ritrovato.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Pugno sceglie Eliot

Per la puntata di dicembre dei Paragrafi d’autore abbiamo invitato una delle più originali scrittrici italiane, Laura Pugno, che si è avventurata da tempo in un territorio al confine tra fantascienza, fantasy e il cosiddetto mainstream. Ci ha spiazzato proponendo come paragrafi d’autore due brani dei Quattro quartetti di Thomas Stearns Eliot…

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Bertante sceglie Miller

Un tempo Alessandro Bertante era una delle firme di PULP Libri, costantemente presente sulla rivista; ma dal 2008 ha iniziato una carriera di scrittore che l’ha portato a pubblicare con Marsilio, Rizzoli e Giunti. Ha accettato il nostro invito a partecipare alla rubrica Paragrafi d’autore scegliendo un brano da Primavera nera di Henry Miller.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Arona sceglie Du Maurier

Danilo Arona è un vecchio amico di PULP Libri, che ogni tanto ci dà una mano a recensire qualche novità; ci fa piacere averlo come ospite della nostra rubrica, anche perché ci ha sorpreso scegliendo paragrafi tratti da un celeberrimo racconto di Daphne Du Maurier, «Gli uccelli», dal quale è nato uno dei più inquietanti e surreali film di Alfred Hitchcock.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →