Opera prima

Recensione della prima pubblicazione di un grande autore. Orwell, Pavese, Salgari, De Lillo, Adams… una serie quasi infinita di esordi: di libri che hanno rotto il ponte di un’esistenza. Cosa baluginava dentro quelle prime pagine a indicare una futura grandezza?

La lunga marcia, di Stephen King (1979)

La lunga marcia, di Stephen King (1979)

Una scrittura apparentemente classica che mescola horror, fantascienza distopica, caratterizzazione attenta dei personaggi, ricostruzione maniacale dei luoghi (seguite il percorso dei marciatori su una mappa del Maine e ve ne renderete conto), e una straordinaria sensibilità alle dinamiche sociali che agitano gli Stati Uniti. In due parole, Stephen King. A tutti gli effetti lo vediamo già manifestarsi in questo romanzo scritto sul finire dell’adolescenza, un libro che suona potentemente radicato nel suo tempo e al tempo stesso capace di restituirci qualcosa del presente.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →