Archeologie del presente

Vittime di un ingiusto oblio dettato dal mercato editoriale, molti libri diventano introvabili. Sono i libri cercati dagli ascoltatori di Fahrenheit, da quelli che battono le bancarelle reali e virtuali.  La Rubrica ospita un saggio sull’opera e un estratto del testo.

La potenza liberatoria della falsificazione. Il Consiglio d'Egitto di Leonardo Sciascia

Il Consiglio d’Egitto di Leonardo Sciascia “L’apparato allegorico del romanzo si presenta oggi ancora più potente, forse più di quanto non lo fosse cinquantasei anni fa. Una nave sbarcata sulle coste siciliane e i rapporti tra Europa e mondo arabo e islamico, per esempio, tematizzano la posizione dell’Italia nel Mediterraneo e ne mostrano la Sicilia come suo avamposto, ricordandoci che al tempo del Consiglio d’Egitto l’arabo tornava in Sicilia, dove era stata una lingua dominante e che i rapporti tra costa nordafricana, penisola italiana e Malta sono rapporti secolari e non certamente rapporti emergenziali dettati dall’agenda delle migrazioni di oggi.”

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Una bomba incendiaria di romanzo. La giungla di Upton Sinclair

Una bomba incendiaria di romanzo. La giungla di Upton Sinclair

La giungla di Upton Sinclair: due sono in particolare i capitoli che valgono da soli, per acume e vividezza di scrittura, la lettura del libro: la festa di matrimonio, acziavimas, e il “viaggio del maiale”, la sconvolgente “fabbricazione a macchina della carne di maiale, la fabbricazione della carne di maiale grazie alla matematica”.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Dio ne scampi dagli Orsenigo di Vittorio Imbriani

Dio ne scampi dagli Orsenigo di Vittorio Imbriani

Dio ne scampi dagli Orsenigo di Vittorio Imbriani “Imbriani resta quel che è stato in vita: un cattivo maestro. Per questo è vivamente consigliato ai giovani scrittori quale antidoto all’ufficialità della cosiddetta ‘prosa scarna’, implicitamente (insopportabilmente) solenne, proprio perché mira, senza pudore, al drammatico. La prosa seriosa di cui parla Celati e di cui troppi scrittori (e lettori) sono tutt’oggi vittime quasi ignare. Dio li scampi dall’ira dell’Imbriani. E dalla sua risata”.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

L'uomo è forte: una distopia italiana

L'uomo è forte: una distopia italiana

Corrado Alvaro, L’uomo è forte. “È bene rileggere questo romanzo, che resta uno dei cupi e disperati monumenti del secolo breve, al tempo stesso documento storico e caposaldo della narrativa europea. Anche per rendere giustizia a Corrado Alvaro, per troppo tempo legato solamente al suo pur bello Gente in Aspromonte e marginalizzato come “autore regionale”, lui che era cosmopolita come il suo personaggio, l’ingegner Dale, e che come Dale il totalitarismo l’aveva visto dall’interno, non solo in Unione Sovietica ma anche nella nostra Italietta in camicia nera”.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Amnesia Moon, di Jonathan Lethem

Amnesia Moon, di Jonathan Lethem

Amnesia Moon, se possibile, è ancor più radicale di “Cinque scopate”: in questo romanzo tutti soffrono di amnesia, tranne (forse) un motociclista di nome Fault, del quale però non c’è da fidarsi più di tanto (lo dice il suo cognome, che in inglese significa “difetto, sbaglio, colpa”). A partire dal protagonista, Chaos, tutti i personaggi di Amnesia Moon hanno scordato chi erano e com’era il mondo prima di una misteriosa catastrofe che ha scombussolato tutto; misteriosa appunto perché nessuno ricorda bene in cosa sia consistita e cosa l’abbia provocata.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →