RECENSIONI

Aspettando l’uragano

Aspettando l’uragano

Jesmyn Ward, Salvare le ossa – Bois Sauvage, Mississippi, 2005. Dodici giorni prima dell’arrivo dell’uragano Katrina, il più grande disastro naturale della recente storia statunitense. Esch, attraverso i cui occhi si dipana la storia, è una ragazzina afroamericana parte di una famiglia tanto disastrata quanto unita. Sua madre è morta dando alla luce l’ultimo figlio, Junior.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Parigi abitata, Roma lasciata

Parigi abitata, Roma lasciata

Lisa Ginzburg, Buongiorno mezzanotte, torno a casa – Fuori casa sottobraccio a Ortese, Levi, Rhys, Gogol, Mann, Kundera, Eliot e Joyce, Lisa Ginzburg allenta le distanze, ricerca una salute nella bellissima lingua d’origine. Residente a Parigi si ribella alle acidule osservazioni dei parigini sulla deliberata sciatteria del suo francese, rallegrandosi di contraddire l’ossessione d’oltralpe per l’ortografia e l’idioma nazionale.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Tirolo amaro

Tirolo amaro

Marco Balzano, Resto qui – Nelle precedenti edizioni, non sempre un finalista o un vincitore dello Strega è stato sinonimo di qualità. Ogni concorso letterario ha delle variabili: il potere delle case editrici e l’ obbligo mai dichiarato di una loro alternanza sul gradino più alto, i gusti dei giurati e gli appoggi politici degli scrittori, solo per citarne alcuni, concorrono alla classifica finale.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Una Tokyo di corpi e rovine

Una Tokyo di corpi e rovine

Hideo Furukawa, Tokyo Soundtrack – Hitsujiko ha solo 4 anni e mezzo quando il mondo tenta di ucciderla; ne ha 10 quando decide che è ora di rispondere colpo su colpo. “Scuotere il mondo dalle fondamenta. Distruggendolo… Ci riuscirò un giorno, lo giuro!”.
Non si tratta di vuoti proclami.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Dopo le fiamme

Dopo le fiamme

Paul Celan, Nelly Sachs, Corrispondenza – L’esilio non oscura la lingua che sembrava perduta, anzi viene ritrovata giorno dopo giorno nel vivido delle lettere, nello scambio di poesie che testimoniano lo strappo nei brutti giorni europei. Esattezza di un “realismo psichico” nel dialogo epistolare fra Paul Celan e Nelly Sachs.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →