RECENSIONI

Northampton caput mundi

E’ un fuoco d’artificio di tecniche narrative che mozza il fiato e fa girare la testa; è la sagra della lingua inglese, che Moore padroneggia con una sicurezza e una disinvoltura che non teme confronti.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Bartleby il democristiano

Giulio Andreotti, Il buono cattivo. “Il protagonista di Il buono cattivo accetta dunque la vita e la realtà italiana in tutte le sue sfumature, accoglie di buon grado ciò che la vita gli offre, con quella che oggigiorno si chiamerebbe serendipity, così come il politico Andreotti ha sempre accettato i vari incarichi che gli sono stati proposti, da De Gasperi a Berlusconi.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Amore nella biosfera

Megan Mayhew Bergman, Paradisi minori. “Più che musicale, però, la struttura del libro è, ancora una volta, debitrice alla biologia – è come se ciascuno dei racconti fosse un capitolo di uno studio scientifico dedicato all’etologia delle diverse possibilità offerte all’animale-uomo.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Un’attonita Parigi

Enrico Pandiani, Un giorno di festa. “L’altra grande protagonista, tutt’altro che invisibile, resta però Parigi. Ancora attonita dopo il recente episodio terroristico del Bataclan, che Pandiani ricorda nelle sue pagine tentando d’interpretare il punto di vista di chi, diversamente da noi, nella città che ne è stato il tragico teatro ci vive tutti i giorni.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Prima che spunti l’arcobaleno

Guccini & Macchiavelli, Tempo da elfi. “Quando la prosa si fa riflessiva, descrittiva, è fatale presumere ci sia dietro il gusto, il pensiero e, perché no?, la musicalità di Guccini. Quando i dialoghi si susseguono serrati e il colpo di scena capisci che è lì, dietro l’angolo, beh: il papà di Sarti Antonio ha probabilmente fatto il suo.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →