RECENSIONI

Gotico siculo

Orazio Labbate, Suttaterra. “L’apice raggiunto dall’autore nel dispiegare questa progressione di immagini sanguinose, fantasmatiche e quasi lovecraftiane è l’effetto di spaesamento che suscita in chi legge. Il lettore spesso si ritrova a contemplare le visioni di Giuseppe senza sapere come ci è arrivato, una logica che ricorda il film Inception (2010), in cui i personaggi capiscono di trovarsi all’interno di un sogno proprio perché non hanno idea di come vi sono entrati.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

L’importanza di essere il Re

Stephen King, Owen King, Sleeping beauties. “Il romanzo ha un inizio decisamente debole e lento, che si riscatta dopo un centinaio di pagine. Sebbene sia lettrice di entrambi i King bisogna ammettere che s’intuisce facilmente chi abbia scritto cosa, Owen introducendo l’elemento fantasy certamente più nelle sue corde, alleggerendo la narrazione al lettore, che viene prontamente riportato con i piedi per terra da Stephen, grazie al suo stile decisamente più concreto e violento.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Triste Europa

David Szalay, Tutto quello che è un uomo. “Nove storie per nove uomini di varia età ma che alludono a un solo esemplare in epoche di vita differenti, alle prese con quello che è stato e quello che potrebbe essere. Messi a mollo da Szalay, con una certa benevolenza, in un fluido che rinchiude ogni evento dentro i limiti dello ‘sgradevole’.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

“Sterminate i bruti!”

Nicoletta Vallorani, Nessun Kurtz. “Nelle pagine conclusive, lo sguardo di Vallorani si ferma inoltre sulla nostra storia recente, sulla letteratura della migrazione tra le due sponde del Mediterraneo. Nessun Kurtz è molte cose insieme. È, in modo dichiarato, un libro militante, deciso a far detonare con rinnovata forza la carica di scetticismo di Cuore di tenebra.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

È l’ora del Nanopunk

Linda Nagata, Red. “Il romanzo, una volta iniziato, è impossibile da abbandonare. Anche perché fino alle ultime battute il lettore si domanda se ciò che accade sia veramente reale, cioè abbia un senso teleologico, si muova in una direzione, o invece si tratti di una serie di coincidenze significative che s’incastrano l’una dopo l’altra.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →