RECENSIONI

Ecco come sappiamo d’essere vivi: sbagliando

Marco Missiroli, Fedeltà. “I rapporti vorrebbero un governo emotivo temperante, privo di artifici, fatto di incastri lucidi e avveduti, ma troppo spesso questo non accade. L’autore lo mostra con parole esatte, come in una danza a cui tutti partecipano ma nessuno diventa primo ballerino. Non vi sono gerarchie, ovunque soffia il sistema perfetto di una felicità creativa che coglie in volo anime in fuga con i loro errori compiuti nei fasti della realtà”.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Dalle radici al parco a tema. Non si scherza con la Storia!

Tullio Avoledo, Furland©. “Fra Žižek e Omelas l’ultima visione fin troppo reale di Tullio Avoledo”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Lou Reed ci ha salvato la vita, o Quando il Rocker raggiunge Quota 100

Anthony DeCurtis, A Walk on the Wild Side. Vita e opere di Lou Reed. “Tutti gli aspetti della personallità di Luo Reed. Buy or Die”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Perdenti fra vendetta e impossibile giustizia

B.Azzarello e E.Risso, Moonshine. “Una trama mirabilmente complessa a partire dalla sete di vendetta che stagna in molti fallimenti umani”.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Migliaia di sosia ai crocevia della vita

Patrick Modiano, Ricordi dormienti. “Mentre passeggia per il lungosenna, Jean viene colpito dal titolo di un libro, Il tempo degli incontri, che lo risucchia in un vortice che lo porta indietro nel tempo, a incontri vissuti a cavallo degli anni Sessanta tra i quattordici e ventidue anni.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →