RECENSIONI

Un’attonita Parigi

Enrico Pandiani, Un giorno di festa. “L’altra grande protagonista, tutt’altro che invisibile, resta però Parigi. Ancora attonita dopo il recente episodio terroristico del Bataclan, che Pandiani ricorda nelle sue pagine tentando d’interpretare il punto di vista di chi, diversamente da noi, nella città che ne è stato il tragico teatro ci vive tutti i giorni.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Prima che spunti l’arcobaleno

Guccini & Macchiavelli, Tempo da elfi. “Quando la prosa si fa riflessiva, descrittiva, è fatale presumere ci sia dietro il gusto, il pensiero e, perché no?, la musicalità di Guccini. Quando i dialoghi si susseguono serrati e il colpo di scena capisci che è lì, dietro l’angolo, beh: il papà di Sarti Antonio ha probabilmente fatto il suo.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Il mestiere di essere uomo

Giorgio Falco, Ipotesi di una sconfitta. “Il mestiere che Giorgio Falco ha praticato scrivendo questo romanzo non è stato quello dello scrittore, ma il mestiere di essere uomo. Lo scrittore si è prestato a mero mezzo di comunicazione ideale, e fatale, per poterci raccontare nella nudità della parola com’è andata.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

A Cesare quel ch’è di Cesare

Franco Forte, Cesare il conquistatore. “Gaio Giulio Cesare, dopo aver finto la propria morte ed essersi allontanato dalla vita politica di Roma, è pronto a tutto per ottenere il segreto della vita eterna. Al suo fianco, Bruto, Cicerone, Spartaco e un gruppo di uomini valorosi, la Legio Caesaris; dopo un primo fallimento, la loro ricerca si sposta in Egitto, dove le truppe di Ottaviano hanno sconfitto l’esercito di Marco Antonio e della regina Cleopatra.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Disprezzo con ben disposto lessico

Cesare Viviani, Osare dire. “Dopo la serie aforistica pubblicata nel 2014, quasi a compendio e come fedeltà mai sopita, la nuova raccolta, Osare dire. Architettura contro le attuali tenebre, una sorta di critica acustica da parte di una scrittura che ha del vertiginoso, tanto appare detta da limpida voce. “

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →