RECENSIONI

Le ombre di Schiavone

Antonio Manzini, Pulvis et umbra. “Rocco Schiavone, che di presentazioni non ha proprio bisogno, torna in un romanzo complesso a detta del suo stesso creatore. Il poliziotto corrotto più amato dai lettori, che fuma spinelli anche in ufficio, che frequenta persone poco raccomandabili. Il vicequestore trasferito da Roma ad Aosta, che non sopporta il freddo e che cambia un paio di Clarks al giorno.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Ritornata

Donatella di Pietrantonio, L’arminuta. “Due i punti cardine: il primo è un tema molto caro all’autrice, ovvero la maternità, descritta in questo caso in maniera forte ed estrema, mentre il secondo è l’Abruzzo, la sua terra natia che non è solo lo sfondo, il paesaggio in cui la trama si sviluppa ma è esso stesso un personaggio vivo e presente.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Non proprio da ridere

Alessandro Morbidelli, Storia nera di un naso rosso. “Il “naso rosso” appartiene ad Angelo Cantiani, medico che si esibisce nel ruolo del dottor Willy Pancione per la clownterapia in un reparto di oncologia pediatrica: nella sua vita, l’ex moglie, le amanti, i suoi piccoli pazienti, la morte.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Una Babilonia interiore

Yasmina Reza, Babilonia. “Trattandosi di Reza, la sua maestria va ancora più a fondo, e come accade spesso nel vero teatro e nei teatrini quotidiani il tragico diventa parente prossimo del comico. Ma ciò a cui assistiamo in questo racconto è talmente convincente, anche se molti arricceranno il naso, da far pensare che tutto non sia dovuto a mera coincidenza. E che i due protagonisti si ritrovino affaccendati in un delirio fuori misura. L’idiozia genera mostri, suggerirebbero i fratelli Cohen.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Pound, senza Casa

Ezra Pound, XXX Cantos. “I nuovi lettori troveranno il ribollire continuo, le ridondanze e le fantasmagorie che Pound non si è mai fatto mancare, insieme ai tratti oscuri, famigerati, che hanno la loro origine in questioni privatissime e derivate da studi che possiamo considerare del tutto dimenticati.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →