RECENSIONI

Solitudine carceraria, in versi

Faraj Bayrakdar, Specchi dell’assenza. “È un guardare ovattato e silenzioso. Non c’è clamore né ricerca di pirotecnici effetti linguistici in questo libro ma una po/etica del silenzio.” Le edizioni Interlinea propongono una nuova raccolta poetica del siriano Faraj Bayrakdar, per la traduzione e la cura di Elena Chiti che aveva già curato il primo volume in italiano del poeta: Il luogo stretto (nottetempo).

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Una coppia disastrosamente umana / La versione di Hughes

Connie Palmen, Tu l’hai detto – La bravura di Connie Palmen si misura con il grado di sorpresa (e sorpresa è dire poco) che aumenta con lo scorrere delle pagine dove il titano, il “predone nero” Ted Hughes ricompare al mondo, esprimendo il tedio mai regredito in vita e probabilmente neppure in morte. Anzi, se possibile aumentò con lo svilupparsi delle speculazioni e le mitizzazioni sulla presunta (ma canonizzata da adoranti schiere) Santa Sylvia dopo il suicidio.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

La versione dei vietnamericani

Viet Thanh Nguyen, Niente muore mai. “È questo un saggio difficile da riassumere e presentare, tanti sono i discorsi che in esso s’intrecciano in modo del tutto inestricabile. Certo, ci si potrebbe semplificare la vita dicendo che Viet Thanh Nguyen ci parla di come i vietnamiti e il loro paese sono stati rappresentati dagli americani in modo spesso distorto e unilaterale, con Apocalypse Now a fare da bestia nera, superato forse soltanto da Gran Torino, che per Nguyen è un film ingegnoso, originale, compassionevole, però pericoloso come ‘una piccola bomba intelligente’.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Ritratto del passato

Wendell Berry, I primi viaggi di Andy Catlett – Può sembrare di primo acchito un romanzo in tutto e per tutto identico ai libri di Kent Haruf, autore della Trilogia di Holt (NNE edizioni). Storia ambientata in America, vite tranquille, pagine lente in cui non accade nulla. Insomma la solita solfa. E qui casca l’asino, perché questo romanzo di Wendell Berry (classe 1934, poeta, romanziere e critico ma anche agricoltore, attivista ecologista e pacifista) ha poco a che vedere con i lavori del connazionale sopracitato.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Il flusso del sangue

Mary B. Tolusso, L’esercizio del distacco – A quasi dieci anni dal primo romanzo Mary B. Tolusso affonda tutte le definizioni della sua scrittura negli strinamenti adolescenziali che, nella nostra epoca, da avventura sperimentale del pensiero si trasformano in qualcosa di lucida verità. A quasi dieci anni dal primo romanzo Mary B. Tolusso affonda tutte le definizioni della sua scrittura negli strinamenti adolescenziali che, nella nostra epoca, da avventura sperimentale del pensiero si trasformano in qualcosa di lucida verità.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →