RECENSIONI

Il castello di carte della critica letteraria italiana

Il castello di carte della critica letteraria italiana

Matteo Marchesini è autonomo, va per la sua strada, non è assimilabile a un gruppo né tanto meno a una consorteria. La sua raccolta di saggi “Casa di carte. La letteratura italiana dal boom ai social” pubblicata da Il Saggiatore aggredisce il mondo di accordi e di non belligeranze della critica letteraria italiana.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

In fuga dal mondo

In fuga dal mondo

La Straniera di Claudia Durastanti è un romanzo ammirabile per l’originalità della scrittura e per l’organizzazione della trama. A ognuno dei libri precedenti, la Durastanti aveva impresso una originalità sempre diversa e molto personale. La straniera però segna il punto più alto raggiunto fino a oggi .

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Sostanza bianca

Sostanza bianca

Andrea Zandomeneghi, Il giorno della nutria “uUna galleria di personaggi variamente declinati, com’è già stato accennato, nei toni del grottesco e che difficilmente lasciano la memoria del lettore – rivelando anche la personale deformazione, in tutto e per tutto professionale, dell’autore (Zandomeneghi, infatti, è anche editor e fondatore di una realtà culturale già molto solida e interessante come la rivista online Crapula Club).”

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Mentori ed eroi del pugilato

Mentori ed eroi del pugilato

Scrivere di sport (e di boxe) è un’arte. Bisogna metterci corpo, cuore, cervello. Indifferentemente a quale categoria di peso letterario si appartenga. Questa è l’anima di Storie di pugili scritto da Marco Nicolini.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →

Non c’è Proust che tenga: il tempo è perduto fin dall’inizio.

Wallace Stegner, Verso un oscuro approdo “Questo romanzo, degno di forti aspettative, porta dentro all’incomprensione che fa tremare ovunque si viva, tra malattie e invecchiamento, al di qua o al di là dell’oceano. Ci si domanda quali spinte portino alla morte, in un moto che sembra lento ma proprio per questo, dal debutto alla fine, non dà scampo”.

Condividi su:
FacebookTwitterShare
Continua →