RECENSIONI

Una storia del grande Nord

Dino Battaglia, L’uomo del New England. “Ne esce fuori, senza neanche gran panorami e vedute pittoresche, l’anima oscura di una terra dove si uccide senza fare tante domande, dove la morte è perennemente in agguato, e dove si gioca una partita molto più grande di quel che sembra; come spiega l’introduzione di Hugo Pratt, riportata in appendice al volume, il raid di Rogers è un piccolo episodio della Guerra dei Sette Anni…”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Famiglie rovinate

Giampaolo Simi, Come una famiglia. “Anche e soprattutto Dario Corbo indaga, tornando per necessità al suo lavoro di giornalista di inchiesta: si scontrerà con interessi economici, sotterfugi giuridici, corruzioni e depistaggi che lo porteranno a scoperchiare un mondo, quello del calcio giovanile, che anziché fucina di talenti si rivelerà una replica della società di oggi. “

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Il loro regno per un cavallo

C.E. Morgan, Lo sport dei re. “E Lo sport dei re non delude in questo senso. È violento e poetico, scioccante e delicato. La bellezza brutale delle corse di cavalli diventa il metro di misura di tutte le cose, un microcosmo nel quale va a rispecchiarsi la storia dei Forge e l’intera storia del Sud, insieme a tutto il sangue che queste hanno versato.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

La mente se stessa pensante

Daniel C. Dennett, Dai batteri a Bach. “Dennett è sì docente di filosofia e scienze cognitive, ma appartiene a quel genere di scienziati (per esempio Hawking o Rovelli, per citare due menti – la prima, purtroppo, scomparsa – ispirate e iper-popolari) che depositano in sé grandi quantità di linee scientifiche e “umanistiche” per poi convogliarle in una personale teoria onnicomprensiva capace di illuminare e affascinare studiosi e semplici lettori.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →

Peregrinazioni di un'elefantessa

Arto Paasilinna, Emilia l’elefante. “La tradizione romanzesca alla quale si rifà l’autore è quella della fiaba premoderna, il viaggio picaresco seicentesco. I personaggi non assumono spessore perché così richiede questo modello, non per incapacità dello scrittore. Essi resteranno impressi però come fugaci apparizioni, schegge, sprazzi di un disegno sempre più vasto di loro, a comporre un arazzo senza un centro fisso.”

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share
Continua →