Genna sceglie Kafka

Abbiamo invitato Giuseppe Genna a scegliere i paragrafi d’autore del mese di settembre, e gentilmente ha accettato, proponendoci tre micro-racconti dell’immenso Franz Kafka. Non solo: ha scritto anche un pezzo a commento della sua scelta, che pubblicheremo domani. Non possiamo che ringraziarlo di tanta disponibilità e invitarvi a leggere le carte di questo botta e risposta tra lo scrittore boemo e quello italiano…

Franz Kafka e la morale della favola: un cavallo, Prometeo e il diavolo

Il nuovo avvocato

Abbiamo tra noi un nuovo avvocato, il dottor Bucefalo. Nel suo aspetto esteriore ricorda poco il tempo in cui era destriero di Alessandro il Macedone; ma chi è ben al corrente delle circostanze nota qualcosa d’inconsueto. Ho visto anzi, ultimamente, un qualunque usciere del tribunale soffermarsi ammirato sullo scalone a contemplare, con occhio da intenditore di corse, l’avvocato mentre saliva di gradino in gradino, sollevando alti i garretti, coi passi che rimbombavano sul marmo.

La classe forense, nel suo insieme, ha visto con simpatia l’ammissione di Bucefalo; i commenti che si ascoltano, improntati ad uno straordinario buon senso, riconoscono che, nell’ordinamento sociale di oggigiorno, egli deve trovarsi in difficoltà, e che per questo motivo, come pure per il posto che occupa nella storia universale, è comunque meritevole di comprensione. Oggi, nessuno può negarlo, non esiste un Alessandro Magno. C’è qualcuno che s’intende di omicidio, ed anche la destrezza nell’infilzare l’amico con la lancia al disopra di una tavolata, non si può dire che faccia difetto; per molti, infine, la Macedonia è troppo piccola, sicché imprecano a Filippo suo padre. Ma nessuno e poi nessuno saprebbe comandare una spedizione fino in India. Già allora le porte dell’India erano irraggiungibili, ma la loro direzione era segnata dalla spada regale; oggi si trovano in tutt’altro luogo, più lontano e più in alto; nessuno indica la via; molti brandiscono spade, ma non fanno che mulinarle, e lo sguardo che cerca di seguirle si confonde.

Perciò è forse miglior partito d’imitare Bucefalo e di sprofondarsi nella lettura dei codici. Libero, i fianchi non oppressi dalle reni del cavaliere, alla quieta luce di una lampada, lungi dal clamore della pugna alessandrea, egli legge e sfoglia le pagine dei nostri antichi volumi.

Prometeo

Di Prometeo si narrano quattro leggende: secondo la prima, poiché aveva tradito gli dèi per gli uomini, fu incatenato al Caucaso, e gli dèi mandavano delle aquile a divorargli il fegato, che continuamente ricresceva.

Secondo la seconda, Prometeo per il dolore dei colpi di becco si addossò sempre più alla roccia fino a diventare una sola cosa con essa.

Secondo la terza, nei millenni il suo tradimento fu dimenticato, dimenticarono gli dèi, le aquile, lui stesso.

Secondo la quarta, ci si stancò di lui che non aveva più ragione di essere. Gli dèi si stancarono, si stancarono le aquile, la ferita, stanca, si chiuse

Restò l’inspiegabile montagna rocciosa. – La leggenda tenta di spiegare l’inspiegabile. E dal momento che proviene da un fondo di verità, deve finire nuovamente nell’inspiegabile.

La verità su Sancio Panza

Nel corso degli anni, durante le ore della sera e della notte, Sancio Panza, che però non se ne è mai vantato, procurò al suo diavolo, cui diede in seguito il nome di Don Chisciotte, una quantità di romanzi di cavalleria e di brigantaggio e riuscì ad allontanarlo da sé in maniera che questi, privo di controllo, compì le sue matte gesta, le quali però, in mancanza d’ogni oggetto prestabilito – che avrebbe dovuto essere appunto Sancio Panza – a, non fecero del male a nessuno. Da uomo libero Sancio, imperturbabile e forse animato da un certo senso di responsabilità, seguì Don Chisciotte nelle sue scorribande e ne ricavò, sino alla sua fine, un grande e utile divertimento.

(I racconti sono tratti dall’antologia Franz Kafka, Tutti i racconti, Mondadori. «Il nuovo avvocato», tr. Rodolfo Paoli. «Prometeo», tr. Ervino Pocar. «La verità su Sancho Panza», tr. Ervino Pocar)

Giuseppe Genna è nato nel 1969 a Milano, dove attualmente vive e lavora. E’ autore di romanzi, tra cui Dies Irae, Hitler, La vita umana sul pianeta Terra e il recente History, tutti editi da Mondadori. Sul fronte saggistico, è autore di un saggio su studi e pratiche della coscienza, Io sono, pubblicato da il Saggiatore.

Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+Share