23 Settembre, 2019

OGGI SU PULP

Cosa sono i Vangeli? Chi li ha scritti?

Il giustiziato Gesù di Nazareth, dopo la sua comparsa sul nostro pianeta, viene narrato da quattro Vangeli. Quattro versioni, non del tutto simili, della sua esistenza dalla nascita alla resurrezione. In più annoveriamo una serie di testi cosiddetti Apocrifi, e il Vangelo di Giuda ristampato recentemente. In tutti gli scritti ci imbattiamo in una folla di personaggi, dai molteplici destini, e con differenti sostanzialità nel corso del racconto. E ci sono molte donne, quasi sempre in ruoli di primo...

In primo piano

Dio ne scampi dagli Orsenigo di Vittorio Imbriani

Dio ne scampi dagli Orsenigo di Vittorio Imbriani "Imbriani resta quel che è stato in vita: un cattivo maestro. Per questo è vivamente consigliato ai giovani scrittori quale antidoto all'ufficialità della cosiddetta 'prosa scarna', implicitamente (insopportabilmente) solenne, proprio perché mira, senza pudore, al drammatico. La prosa seriosa di cui parla Celati e di cui troppi scrittori (e lettori) sono tutt'oggi vittime quasi ignare. Dio li scampi dall'ira dell'Imbriani. E dalla sua risata".

RICORDO DI GUIDO FINK

L’insostenibile leggerezza del critico. Guido Fink (1935-2019)

Guido Fink, recentemente scomparso all’età di 84 anni, è stato uno dei più grandi critici letterari che abbiamo avuto in Italia. I suoi interessi spaziavano dalla Letteratura Americana – e in particolare la letteratura ebraico-americana – al cinema, al teatro, alle arti visive, alla teoria della critica, ai nuovi sviluppi della riflessione filosofica. Nato a Gorizia da una famiglia di origine ebraica, si trasferì in tenera età a Ferrara. Da bambino, durante l’occupazione nazista, fu salvato dalla madre che...

RUBRICHE

LE RECENSIONI

Cosa sono i Vangeli? Chi li ha scritti?

Il giustiziato Gesù di Nazareth, dopo la sua comparsa sul nostro pianeta, viene narrato da quattro Vangeli. Quattro versioni, non del tutto simili, della sua esistenza dalla nascita alla resurrezione. In più annoveriamo una serie di testi cosiddetti Apocrifi, e il Vangelo di Giuda ristampato recentemente. In tutti gli...

Le balle sul Duce, o le fake news della storia

Negli ultimi anni la storiografia sul fascismo ha prodotto numerosi lavori che si sono proposti di demolire la lunga serie di falsi miti circolanti sul famigerato ventennio, mistificazioni del tutto slegate dalla realtà storica che inquinano ogni discorso critico su quel periodo, falsificando la memoria e alterando la percezione...

“Non c’è un monumento a Babij Jar”

Un giorno del 1961, Evgenij Evtušenko, già affermato poeta, accompagna a Kiev il coetaneo Anatolij Kuznecov, suo compagno di studi all’Istituto di Letteratura. Evtušenko è uno degli nuovi autori usciti allo scoperto grazie al disgelo degli anni di Chruščëv: su di lui, come su altri scrittori, si focalizzano le...

Ceci n’est pas un vademecum

Grazie a Giorgio Manganelli sappiamo ormai da più di cinquant’anni che “la letteratura è menzogna”. Oggi, grazie ad Elvira Mujčić, realizziamo che anche le narrazioni biografiche dei richiedenti asilo esigono la medesima falsità.  O forse no. Il “diniegato” Ismail, originario del Gambia e in fuga dalla dittatura Yahya Jammeh, ha...

L’Iliade o la bellezza della forza

Rachel Bespaloff, pensatrice di origini bulgare, negli anni '40 del novecento riconosce alla poesia omerica il merito di rendere manifesta, “al di là dei conflitti, la misteriosa predestinazione che rende degni l’uno dell’altro gli avversari chiamati a un duello inesorabile. Omero non chiede riparazione se non alla poesia, la quale strappa alla bellezza riconquistata il segreto della giustizia negato alla storia. Essa sola restituisce al mondo ottenebrato la fierezza oltraggiata dalla superbia dei vincitori, il silenzio dei vinti”.

PULPnewsletter

Iscriviti per ricevere le nostre recensioni e approfondimenti su libri ed autori.